Bonus autonomi e partite iva 600 euro

Bonus autonomi. Il decreto “cura Italia” di questi giorni ha previsto un bonus per autonomi e partite iva di 600€. Inizialmente pensato come un bonus una-tantum, il governo ha subito rettificato prevedendo un contributo simile anche per aprile. Nel mese di aprile il contributo sarà rimodulo in base a criteri ancora da definire.

Alla data di oggi la legge prevede lo stanziamento di fondi fino ad esaurimento. Il Ministro Gualtieri ha però specificato che attraverso un sistema di vasi comunicanti, in mancanza di fondi si procederà a reperirli da altre voci. In questo modo tutta la platea di partite iva dovrebbe in teoria ottenere il bonus di 600€.

In questo momento non è ancora ben chiaro come avverrà il pagamento da parte del Ministero dell’Economia. Anche se è stato specificato che sarà l’INPS ad effettuare il versamento, non sono ancora state date le coordinate su come muoversi per ottenere il contributo economico. Molto probabile è l’erogazione a mezzo elettronico ed è quindi opportuno avere un account SPID, ovvero una identificazione univoco con la quale si può entrare in contatto con la pubblica amministrazione.

SPID Sistema Pubblico di Identità Digitale

Perché è importante avere un account SPID

L’account SPID può essere richiesto in molti casi in modo gratuito e dal pc. Questo account consente di interfacciarsi con la pubblica amministrazione ed in particolare con INPS, Camera di Commercio, Agenzia delle Entrate, etc.. 

Molti sono i provider che si possono utilizzare per ottenere un account: Aruba, PosteIT, Sielte, Etc.. Attraverso questi siti con una facile procedura è possibile registrarsi a SPID. Questo Vi consentirà in modo particolare, di accedere al sito dell’INPS per poter richiedere il Bonus di 600€ previsto dal decreto cura Italia.

AVVISO IMPORTANTE! Le informazioni presenti in questo articolo devono essere verificate da parte dell’utente nei siti istituzionali. Nessun sito internet, per quanto famoso e attendibile, può sostitirsi ai siti istituzionali che restano l’unica vera fonte di notizie attendibili. Condividi su facebook Facebook Condividi su twitter Twitter Condividi su linkedin LinkedIn Condividi su whatsapp WhatsApp

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Call Now ButtonChiama ora! Torna su