5 consigli utili sullo stucco veneziano

Chiama ora!

OFFERTA IMBIANCATURA ROMA

vai all'offerta...

5 Consigli utili sullo stucco veneziano

Quali sono i 5 consigli utili sullo stucco veneziano? Spesso vengo contattato da persone in difficoltà con questo prodotto decorativo. Alcune volte mi contattano gli applicatori e più di frequente i clienti. L’aspettativa per questa applicazione è tanta da parte del cliente, considerando anche il costo di questo prodotto.

  1. Valutare con attenzione il supporto
  2. Preparare la parete con cura prima dell’applicazione
  3. Scegliere sempre prodotti professionali di qualità
  4. Attenzione alla fase finale dell’applicazione
  5. Contattaci per un consiglio o per un preventivo senza impegno

Il primo consiglio è quello di valutare con attenzione lo stato del supporto. La parete sulla quale verrà realizzato lo spatolato deve essere perfetta, preparata a regola d’arte. E’ necessario eliminare tutte le parti in fase di esfoliazione, dare una prima mano di fissativo e provvedere alle necessarie stuccature. Ottenuta una parete uniforme e ben isolata si può procedere con l’applicazione del fondo in base alla casa produttrice scelta.

Una volta applicato il fondo si procede con la prima e la seconda mano di prodotto a calce. Alcune case produttrice consigliano di carteggiare tra una mano e l’altra ma io non sono d’accordo. La rasatura deve essere essere “pulita”, in modo che non necessiti mai di carteggiatura.

Chiama ora!

5 consigli utili sullo stucco veneziano

Stucco Veneziano

Fase finale: la lucidatura.

La terza mano è quella più importante perché è quella che dà l’effetto lustro e il disegno tipico. Questa operazione va fatta in due persone per agevolare l’applicazione e la successiva immediata lucidatura a frattazzo. Applicata la terza mano ed effettuata la lucidatura il lavoro può dirsi finito. Questo prodotto non ammette nessun errore, infatti uno sbaglio in terza mano sarà sempre visibile e non potrà essere ritoccato.

In aggiunta è possibile finire lo stucco veneziano con una cera apposita. Questo passaggio da una parte rende la parete impermeabile ma dall’altro anche non traspirante. Bisogna valutare bene i pro ed i contro.

Lo stucco veneziano oggi in commercio si può dividere a grandi linee in due fasce: stucco veneziano commerciale e stucco veneziano per Restauro d’Arte e Bioedilizia. Lo stucco veneziano commerciale (Giorgio Graesan, Sikkens, Oikos e molti altri) è ecologico nella sua base (fino al 5% di prodotti chimici) ma diventa non ecologico con l’aggiunta dei coloranti. Lo stucco a calce per Restauro d’Arte o Bioedile invece non ha additivi chimici al suo interno (Calce Forte, La Banca della Calce, MGN Intonaci, HD Sistem e molti altri.

Come sempre chiunque abbia necessità di un consiglio mi può inviare una email a solopittura@gmail.com

Chiama ora!

2 Comments

  1. Massimo Lattanzi 19/07/2017
  2. Antonio 19/07/2017

Leave a Reply